Limiti del residuo di Thc che può essere contenuto negli alimenti

La Commissione europea ha stabilito per la prima volta la quantità presente nei prodotti alimentari di tetraidrocannabinolo (delta-9 Thc), più noto semplicemente come Thc e conosciuto come principio attivo della marijuana. In base alle modifiche approvate dal comitato permanente per piante, animali, alimenti e mangimi della Commissione Ue, il livello massimo di Thc per l’olio derivato dai semi di canapa deve essere 7,5 mg/kg. Per gli alimenti secchi come semi di canapa decorticati, farina e proteine ​​in polvere il limite è di 3 mg/kg. In realtà i semi, di per sé, non dovrebbero contenere Thc, ma nei preparati alimentari se ne possono riscontrare dei residui a causa del contatto accidentale con altre parti della pianta. Per questo motivo è stato necessario definire i livelli ammessi.

Leggi l’articolo completo (Fonte Il Fatto Alimentare).

QCertificazioni S.r.l. a socio unico

Villa Parigini, loc. Basciano 53035 Monteriggioni (SI)
tel. +39 0577 327234 - fax +39 0577 329907 - Contattaci
P.IVA n. 01273640522
Capitale Sociale € 90.000,00 i.v.
Iscrizione Registro delle imprese di Siena n. 01273640522, REA n. 134249